L'orso e la talpa: una favola breve

fjrigjwwe9r0missmarple:testo

L’orso e la talpa.

 

Nella piazza del villaggio un grande orso si pavoneggiava per la sua forza e grandezza, rendendosi prepotente.

Ad un certo punto arrivò una talpa debole e piccola con la quale l’orso si imbatté.

Lei lo provocò dicendogli: ” Ah ah ah , cosa ci fa qui questa inutile,  piccola  e insignificante talpa?”.

La talpa, per niente impaurita, sfidò l’orso ad un duello all’ultimo sangue.

“ Domani, all’alba” disse la talpa ” Chi vincerà sarà il più forte e chi perderà la gara, avrà perso anche la propria dignità”.

Il giorno successivo gli abitanti del  villaggio affollarono la piccola arena per assistere alla lotta dei due contendenti.

Quando fu il momento, entrarono nel ring i due animali e tutto il pubblico li accolse con un vibrante applauso. L’orso ruggendo si lanciò contro la talpa che, fingendosi impaurita, scavò un tunnel e si nascose nel terreno,  il tunnel circondava l’avversario  in modo che dall’esterno non si vedesse nulla.

Appena l’orso fece un passo in avanti sprofondò in una buca molto profonda. Quando uscì dalla buca, tutto sporco di terra e fango, vide che la talpa aveva già in mano una grande coppa, segno della vittoria.

L’orso, incredulo per l’accaduto, pensò come fosse potuto succedere questo evento a dir poco incredibile.

Mentre pensava all’assurdo evento, la talpa rivolgendosi a lui disse: “ Mio caro amico non sempre i più forti e prepotenti hanno la meglio, certe volte usando un  briciolo di intelligenza e umiltà, si riescono a vincere delle sfide che sembrano impossibili”.

 

Lorenzo Beccaccioli     Francesco Conti     Leonardo Proietti     Haroun  Larasche      Arta  Murati

1 G


La scuola s'allarga. Altre aule per gli studenti

La scuola s'è ingrandita: alcune aule che una volta erano state realizzate per i corsi dell'Università di Camerino, sono entrate nella disponibilità dell'organizzazione scolastica. Una acquisizione che ha fatto molto piacere perché allarga la possibilità delle insegnanti, perché attribuisce alla scuola spazi attrezzati modernamente. Però...

leggi tutto...

Un modo di dire, due piccole invenzioni narrative. A caval donato non si guarda in bocca. Ecco le storie

Ad un esperto fantino, come premio in una gara, viene regalato un cavallo a cui dà il nome Donato. È un cavallo bellissimo, il suo pelo è lucido come la seta, è baio con le balzane tutte uguali e la criniera dello stesso nero della coda. Il fantino lo cavalca per la prima volta e subito tra loro nasce un’amicizia grandissima ,come se si fossero conosciuti da sempre.

leggi tutto...