La Grotta del Grillo: continua l'avventura

fjrigjwwe9r0missmarple:testo

Abbiamo continuato la nostra esperienza nella Grotta del grillo. La prima “prova” è stata salire con una corda,perché l’ ingresso della grotta stava oltre un piccolo dirupo che abbiamo dovuto scalare.

I nostri accompagnatori Virgilio e Roberto ci attendevano all’ ingresso con la torcia e il casco .

L’entrata era bassa e larga, procedendo carponi abbiamo raggiunto la parte più interna della cavità.

Ad aspettarci c’ era una “piccola foresta” di stalattiti

e stalagmiti di cui alcuni frammenti, ormai staccati, sono entrati a far parte del nostro “tesoro” . I nostri accompagnatori ci ripetevano in continuazione di stare attenti a non alzare troppo la testa per evitare ulteriori danni . Alcuni più coraggiosi si sono addentrati nei meandri della grotta e uno di loro ha avvistato una scolopendra ( animale tipico della grotta ) ed una famiglia di pipistrelli, molti di noi hanno visto un ragno di grandi proporzioni.

Nella grotta c’era un lago di piccole dimensioni,l’acqua era fresca e pulita infatti ci hanno permesso di berla.

Il tempo è passato velocemente perché nella grotta si perde il senso del tempo.

Finita l’escursione siamo ritornati a scuola a piedi.

Questa avventura è stata molto avvincente e interessante ed ha suscitato una grande curiosità nei confronti di un mondo nascosto affascinante e sconosciuto.

  


La scuola s'allarga. Altre aule per gli studenti

La scuola s'è ingrandita: alcune aule che una volta erano state realizzate per i corsi dell'Università di Camerino, sono entrate nella disponibilità dell'organizzazione scolastica. Una acquisizione che ha fatto molto piacere perché allarga la possibilità delle insegnanti, perché attribuisce alla scuola spazi attrezzati modernamente. Però...

leggi tutto...

Un modo di dire, due piccole invenzioni narrative. A caval donato non si guarda in bocca. Ecco le storie

Ad un esperto fantino, come premio in una gara, viene regalato un cavallo a cui dà il nome Donato. È un cavallo bellissimo, il suo pelo è lucido come la seta, è baio con le balzane tutte uguali e la criniera dello stesso nero della coda. Il fantino lo cavalca per la prima volta e subito tra loro nasce un’amicizia grandissima ,come se si fossero conosciuti da sempre.

leggi tutto...