Io non rischio - La struttura di una tendopoli

fjrigjwwe9r0missmarple:testo

La nostra classe ha visitato una tenda utilizzata in occasione del terremoto dell’ Aquila. All’interno c’era un volontario della protezione civile di Narni che ci ha  spiegato l’organizzazione di una tendopoli. All’interno delle tendopoli ci sono delle tende di colore blu che servono per far dormire gli sfollati: possono contenere dalle 4 alle 6 persone;all’interno, dei separé calati per occasione, garantiscono un minimo di privacy. Durante l’ estate vengono montati dei condizionatori , e d’inverno delle stufe. In un tendone comune in cui si consumano i pasti, si guarda la tv, e si svolgono tutte quelle attività di ordine comune. All’esterno del sistema delle tende, organizzato come un vero e proprio villaggio con tanto di strade,ci sono i servizi (i bagni,la lavanderia ecc.), un generatore di corrente e la distribuzione di acqua. Nei periodi più  caldi i volontari sono riusciti a montare  addirittura una piscina per i bambini. Tra le tende ci deve essere una strada di almeno un metro e mezzo per far fuggire facilmente gli abitanti nel caso si verifichino altre scosse.

All’interno della tendopoli  c’e anche un camion con  la cucina. All’ingresso, una tenda funge da “portineria” in cui viene controllato chi entra e chi esce. Alla fine della spiegazione,il volontario ci ha augurato di non affrontare questo genere di esperienza.                             


La scuola s'allarga. Altre aule per gli studenti

La scuola s'è ingrandita: alcune aule che una volta erano state realizzate per i corsi dell'Università di Camerino, sono entrate nella disponibilità dell'organizzazione scolastica. Una acquisizione che ha fatto molto piacere perché allarga la possibilità delle insegnanti, perché attribuisce alla scuola spazi attrezzati modernamente. Però...

leggi tutto...

Un modo di dire, due piccole invenzioni narrative. A caval donato non si guarda in bocca. Ecco le storie

Ad un esperto fantino, come premio in una gara, viene regalato un cavallo a cui dà il nome Donato. È un cavallo bellissimo, il suo pelo è lucido come la seta, è baio con le balzane tutte uguali e la criniera dello stesso nero della coda. Il fantino lo cavalca per la prima volta e subito tra loro nasce un’amicizia grandissima ,come se si fossero conosciuti da sempre.

leggi tutto...