Leggende, leggende. Narnesi e non

fjrigjwwe9r0missmarple:testo

La leggenda di S. Giovenale

 

Un tempo lontano, durante un periodo di guerre sanguinose, S. Giovenale, patrono di Narni, salvò la città dall’incursione di un esercito nemico.

Il Santo, si fece confezionare delle scarpe di ferro e andò incontro ai nemici lungo il fiume Nera. Il condottiero dell’esercito dei nemici gli chiese : Sai indicarci la strada per Narni?” Giovenale rispose:” Sono anni che cerco invano questo luogo, ma non l’ho mai trovato”. E per essere più convincente aggiunse: “Vedi, ho consumato molte paia di scarpe tanto che ho dovuto farmene un paio di ferro”.

I nemici, convinti che stava dicendo la verità, passarono oltre e Narni fu salva.

 

                                                                                                                     Mattia Brancorsini


La scuola s'allarga. Altre aule per gli studenti

La scuola s'è ingrandita: alcune aule che una volta erano state realizzate per i corsi dell'Università di Camerino, sono entrate nella disponibilità dell'organizzazione scolastica. Una acquisizione che ha fatto molto piacere perché allarga la possibilità delle insegnanti, perché attribuisce alla scuola spazi attrezzati modernamente. Però...

leggi tutto...

Un modo di dire, due piccole invenzioni narrative. A caval donato non si guarda in bocca. Ecco le storie

Ad un esperto fantino, come premio in una gara, viene regalato un cavallo a cui dà il nome Donato. È un cavallo bellissimo, il suo pelo è lucido come la seta, è baio con le balzane tutte uguali e la criniera dello stesso nero della coda. Il fantino lo cavalca per la prima volta e subito tra loro nasce un’amicizia grandissima ,come se si fossero conosciuti da sempre.

leggi tutto...